RODELLO ARTE – il workshop con gli artisti

di Elisa Pera

IV edizione – dedicata alla produzione di arte sacra contemporanea. La mostra dal 9 maggio 2020.

L’iniziativa, nata nel 2017 e promossa dalla Fondazione Museo Diocesano di Alba, l’Associazione Colline e Culture ed il Comune di Rodello, ha sinora raccolto intorno a sé trenta artisti provenienti da diverse parti d’Italia e d’Europa e afferenti a discipline artistiche differenti, sviluppando nel corso del primo biennio il rapporto tra il sacro e la terra, e nel corso del secondo quello del sacro e del viaggio.

I PROMOTORI

La Fondazione Museo Diocesano di Alba, l’Associazione Colline e Culture ed il Comune di Rodello propongono la IV edizione della call “Rodello Arte” che ha come obiettivo la produzione di opere d’arte contemporanea dedicate al tema del sacro e del viaggio. L’iniziativa, nata nel 2017, ha sinora raccolto intorno a sé 30 artisti provenienti da diverse parti d’Italia e d’Europa e afferenti a discipline artistiche differenti, sviluppando nel corso del primo biennio il rapporto tra il sacro e la terra, e nel corso del secondo quello del sacro e del viaggio.

Il progetto è promosso grazie al contributo della Fondazione Santi Lorenzo e Teobaldo e dal Comune di Rodello (CN).

DOVE? RODELLO, SULLE COLLINE DI LANGA…

Sulle colline di Langa, a Rodello, il Can. Mario Battaglino, parroco del paese, promosse nel 1964 un seminario sperimentale cui aderirono giovani artisti in cerca di spazi adatti a far pittura, quali Piero Ruggeri, Giorgio Ramella, Bruno Sandri, Beppe Morino sotto la guida di Enrico Paulucci, chiedendo loro di impegnarsi sul tema dell’arte religiosa con tecniche e stile contemporanei. L’invito era di raccogliere gli stimoli offerti dal Concilio Vaticano II: Paolo VI, infatti, sollecitava gli artisti ad allacciare una rinnovata alleanza con la comunità cristiana, in cui esprimere con creatività e libertà il proprio genio artistico.

Le opere dei giovani artisti piemontesi si imposero suscitando dibattiti e valutazioni accese, perché legate al superamento di forme consolidate di arte religiosa per lo più ferme a deteriori e ripetitive raffigurazioni devozionali. Il gruppo di opere allora prodotte è rimasto in dotazione e custodia nella Chiesa dell’Immacolata  e formarono il primo nucleo del museo di arte religiosa di Rodello. In quell’ambito si colloca l’incontro, nel 1969 a Torino, tra l’artista Dedalo Montali (Cagliari 10 luglio 1909-Rodello 13 febbraio 2001) e don Mario Battaglino impegnato a fondare, sempre a Rodello, “La Residenza”, una casa di cura, e a cercare un artista che ne illustrasse la cappella, secondo le nuove istanze conciliari. La sua opera rappresenta un’acuta rappresentazione della Chiesa del Vaticano II.

COME? RODELLO ARTE SI SVOLGE IN DUE FASI

Nella prima fase sono stati selezionati gli artisti che sono stati coinvolti in un workshop residenziale di due giornate (Rodello, 22-23 febbraio 2020) che attraverso narrazioni, esperienze e laboratori hanno messo a fuoco i temi ispiratori della call. E’ stato un momento di incontro e di confronto, ragionando su tematiche sociali, culturali, artistiche che saranno di ispirazione per le successive produzioni artistiche.

Nella seconda fase i candidati sono stati invitati a produrre un’opera d’arte legata ispirata ai temi del sacro e del viaggio.

Le opere saranno esposte da sabato 9 maggio a domenica 20 settembre 2020 presso il Museo d’arte moderna e religiosa “Dedalo Montali” a Rodello (CN). Le stesse potranno successivamente essere coinvolte in altri eventi espositivi presso sedi museali del territorio. Sarà a discrezione dell’artista la scelta di donare l’opera o di concederla in comodato d’uso alla Fondazione Museo Diocesano.

Sarà prodotto il catalogo della 4° edizione “Rodello Arte” a cura della Fondazione Museo Diocesano di Alba.

Per informazioni: rodelloarte@gmail.com

You may also like

Il sito archivia cookie per offrire un servizio più personalizzato. Sono d'accordo Continua

Privacy & Cookies Policy